51907f754791527703 Nulla tanto sfugge al controllo dell’uomo impegnato quanto il vivere; davvero non c’è realtà che sia più difficile da conoscere.
Seneca

Pensieri recenti

L’onesto e sincero criticone

Cercare di far cessare le critiche degli insoddisfatti è come cercare di fermare l’acqua che esce da un vaso con un grande foro utilizzando un spillo. Un padre accompagnava tutte le mattine il figlio a scuola. Il figlio aveva un grosso zaino sulle spalle. Tutti i giorni incrociavano un passante che camminava abitualmente nella direzione opposta per recarsi al lavoro. Quando il passante li vide per la prima volta borbottò:

La statuetta e il contadino

La superficialità ostacola la comprensione del vero valore delle cose In una remota regione dell’Occidente accadde che un contadino, mentre tornava a casa attraversando un sentiero di campagna, trovò una statuetta. Dopo averla esaminata pensò: “È una statua di un ciccione e per di più di un materiale scadente che somiglia all’acciaio. Appena troverò qualcuno la darò via per pochi spicci, quantomeno domani avrò la colazione pagata!”. E così fece,

L’equilibrio del desiderio

Il desiderio è uno dei problemi centrali dell’uomo. Egli sirende conto che la sua natura è quella di un essere che vuole, che desidera, brama, ma, per converso, così come nasce la gioia dall’appagamento del desiderio, nasce anche il dolore dalla frustrazione dell’aspirazione che non viene soddisfatta. Si può tranquillamente affermare che tutte le grandi religioni e le filosofie hanno fatto i conti con questo temibile e possente essere. Partiamo

Racconti Filosofici

La bambina e il filosofo

Non era riuscito ad imprimere una direzione alla sua esistenza, a dare una sostanza ai propri pensieri. Quando aveva perso l’amore, aveva perso tutto. Non era più capace di meravigliarsi; di contemplare la bellezza della sua fragile esistenza. Il suo pensiero si perdeva sempre nel vuoto, nel nulla. Amava Nietzsche, e pensava che finalmente avrebbe liberato l’umanità dalla schiavitù, da Dio. Ma non si accorgeva che, in realtà, la distruzione

AL DI LÀ DELLE APPARENZE

L’inverno era la stagione che più amava. Aria fredda e sole, proprio come quella giornata. I vetri appannati dell’Autobus 791, direzione Trastevere, non gli impedivano di guardare fuori dai finestrini. La vita che scorre tra le strade, tra la gente, le macchine ed i Tram, per cui il tempo sembra non passare mai. Per loro sembra tutto così facile, si muovono su dei binari: rettilinei, curve, ma non pensano mai

Senza inizio…e senza fine

È una sera tra tante. Ce ne stiamo seduti su un piccolo divano. L’atmosfera è calma, la musica bassa, l’ambiente è illuminato da una gradevole luce soffusa, l’orologio nella sala segna le nove e mezza di sera. Riusciamo ancora ad apprezzare la tranquillità del locale quasi vuoto, attendendo che la calca ci sommerga. Prendiamo qualcosa da bere, iniziamo a parlare del più e del meno quando, non mi ricordo da