Er ventriloco

Se credi a questo, sei ‘no scemo, scusa;
po’ sta’ che un omo parli co’ la gente
come se ne la panza internamente
ciavesse quarche machina arinchiusa?
Nun credo che in un’epoca che s’usa
d’aprì la bocca senza di’ mai gnente
esista ‘sto fenomeno vivente
che dice tante cose a bocca chiusa!
Parla cor ventre! Oh questa sì ch’è bella!
Sortanto er poveraccio che nun magna
se sente fa’ glu-glu ne le budella.
Io stesso, speciarmente a fin de mese,
me sento che lo stomaco se lagna…
Ma sai ched’è? La voce der Paese!
Poesie di Trilussa.

Le corrispondenze amorose

Lui se firma Mughetto e lei Viola
je scrive sur giornale, lo so io:
ma nun parlate, pe’ l’amor de Dio,
chè me dà la licenza a la spagnola.

Se paga du’ baiocchi la parola;
un giorno che je scrisse: Idolo mio!
Aspetterotti, bacerotti, addio,
sai quanto spese? Mezza lira sola.

Lui, prima, annava a casa; dar momento
ch’er boccio se n’accorse, cominciorno
a daje co’ l’avvisi a pagamento.

E mò er marito manco se l’immagina
che queli dua, co’ pochi sòrdi ar giorno,
je metteno le corna in quarta paggina.
Poesie di Trilussa.

A chi tanto e a chi gnente!

Da quanno che dà segni de pazzia,
povero Meo! fa pena! È diventato
pallido, secco secco, allampanato,
robba che se lo vedi scappi via!
er dottore m’ha detto: – È ‘na mania
che nun se pò guarì: lui s’è affissato
d’esse un poeta, d’esse un letterato,
ch’è la cosa più peggio che ce sia! –
Dice ch’er gran talento è stato quello
che j’ha scombussolato un po’ la mente
pe’ via de lo sviluppo der cervello…
Povero Meo! Se invece d’esse matto
fosse rimasto scemo solamente,
chi sa che nome se sarebbe fatto!
Poesie di Trilussa.

Questioni de Razze

Che te ne preme se so’ nati in Ghetto,
se cianno la credenza diferente?
La razza? er sangue? E che decide? Gnente,
Perché so’ interessati? E’ un ber difetto!

Per ajutasse reciprocamente
qualunque fede merita rispetto:
puro Lutero assieme co’ Maometto
protegge li cristiani de l’Oriente!

E Isacco che m’impresta li quatrini
a l’ottanta per cento e er pegno in mano?
nun te lo nego: è er re de li strozzini;

ma intanto tu rifretti ar caso mio:
se vojo fa’ ‘na vita da cristiano
bisogna che ricorra da un giudìo!

Poesie di Trilussa.

LA STATISTICA

Sai ched’è la statistica? È na’ cosa
che serve pe fà un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male,
che more, che va in carcere e che spósa.

Ma pè me la statistica curiosa
è dove c’entra la percentuale,
pè via che, lì,la media è sempre eguale
puro co’ la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno
seconno le statistiche d’adesso
risurta che te tocca un pollo all’anno:

e, se nun entra nelle spese tue,
t’entra ne la statistica lo stesso
perch’è c’è un antro che ne magna due.
Poesie di Trilussa.

Er teppista

Credi che io sia monarchico? Pe’ gnente
che me ne frega? E manco socialista
Repubblicano? Affatto! Io so’ teppista
e, pe’ de più, teppista intransiggente

Ciancico, sfrutto, faccio er prepotente
còr proletario e còr capitalista
caccio er cortello, meno all’imprevista
magno e nun pago e provoco la gente

se me capita, sfascio: e sputo en faccia
a le donne, a li preti, a li sordati…
Ma nun me crede poi tanto bojaccia

Che so più onesto, quando semo ar dunque
de tutti ‘sti teppisti ariparati
de dietro a ‘na politica qualunque
Poesie di Trilussa.

La Cecala d’oggi

Una Cecala, che pijava er fresco
all’ombra der grispigno e de l’ortica,
pe’ da’ la cojonella a ‘na Formica
cantò ‘sto ritornello romanesco:
– Fiore de pane,
io me la godo, canto e sto benone,
e invece tu fatichi come un cane.
– Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:
– rispose la Formica –
nun t’hai da crede mica
ch’er sole scotti sempre come er foco!
Amomenti verrà la tramontana:
commare, stacce attenta… –
Quanno venne l’inverno
la Formica se chiuse ne la tana.
ma, ner sentì che la Cecala amica
seguitava a cantà tutta contenta,
uscì fòra e je disse: – ancora canti?
ancora nu’ la pianti?
– Io? – fece la Cecala – manco a dillo:
quer che facevo prima faccio adesso;
mó ciò l’amante: me mantiè quer Grillo
che ‘sto giugno me stava sempre appresso.
Che dichi? l’onestà? Quanto sei cicia!
M’aricordo mi’ nonna che diceva:
Chi lavora cià appena una camicia,
e sai chi ce n’ha due? Chi se la leva.

Poesie di Trilussa.

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Trilussa – Poesie ultima modifica: domenica,11 maggio 11:10, 2014 da nabladue
Condividi!










Inviare
More share buttons
Share on Pinterest
There are no images.

Pages: 1 2 3