In ogni triangolo rettangolo la somma delle superfici dei quadrati costruiti sui cateti è equivalente alla superficie del quadrato costruito sull’ipotenusa.

teoremadipitagorapitagoracina

Cina V-III a.C. : Chou Pei Suan Ching

Egitto XVIII- XVII secolo a.c.

Grecia (Samo) 573 – 490 a.c. : Pitagora

Tavoletta Babilonese tra il XX-XVI secolo a.c.

“Nove o dieci secoli prima di Maometto viveva nell’India un famoso bramino di nome Apastamba.
Questo sapiente, per istruire i preti sulla costruzione di altari e sul progetto di templi, scrisse
un’opera chiamata Salvasutra che contiene molti esempi matematici. È improbabile che questo
trattato sia stato influenzato dalle teorie pitagoriche, dal momento che gli studiosi indiani non
seguivano i metodi di indagine dei greci. Nelle sue pagine si trovano comunque numerosi teoremi: spazio, figure e regole per costruzioni geometriche. Per spiegare la costruzione di un altare, Apastamba propone di tracciare un triangolo rettangolo, i cui lati misurino rispettivamente 39, 36 e 15 centimetri; per risolvere il problema egli applica un teorema attribuito al greco Pitagora.
(3)

In realtà il nostro Pitagora non è arrivato per primo anzi, quasi per ultimo…Il teorema di Pitagora è stato formulato indipendentemente da diverse culture
che non avevano contatti tra di loro.

La matematica è l’unica scienza che riesce a rendere universale ciò che è particolare: culture diverse, in luoghi ed epoche diversi, raggiungo lo stesso risultato, a volte, in modi anche diversi.

L’universo ha una struttura matematica.

L’armonia è matematica. La musica è matematica. La perfezione è matematica.

matematica

Queste equazioni sfumate, per alcuni sono solo simboli, che come dice wilcoyote potrebbero essere usati per i panini del Mc’ Donalds, ma chi le conosce, sa di cosa parlo…ed il nabla è proprio quel triangolino che sembra insignificante, che diventa nabladue se elevato al quadrato (moltiplicazione per se stesso).

Il termine matematica, come lo conosciamo noi, deriva dal greco “apprendista”: nacque per distinguere coloro che frequentavano la scuola pitagorica per apprendere questa “arte” e metterla in pratica, da coloro che la frequentavo solo per curiosità.

Cosa ha permesso alla matematica e alla razionalità dei greci di superare culture che conoscevano gli stessi teoremi prima di loro…? Ditemi cosa ne pensate,io vi risponderò con il prossimo post…

Il teorema di pitagora ultima modifica: martedì,3 aprile 22:59, 2007 da nabladue
Condividi!










Inviare
More share buttons
Share on Pinterest