Scambio di e-mail con un amico. Vengo invitato a firmare una petizione per la campagna in favore della produzione di energia con idrogeno, la stessa campagna iniziata da Beppe Grillo.

Sento il bisogno di firmare, ci tengo al nostro pianeta, lo stiamo rovinando. Mi viene un dubbio. Devo pensare. Prendo un foglio. Inizio a scrivere qualcosa.

Idrogeno + …. = energia pulita + H20 (acqua)

Il dubbio si fa sempre più chiaro. Da dove prendo l’idrogeno per produrre l’energia? Che delusione!
In realtà, il problema è proprio questo: sul pianeta Terra non esiste idrogeno gassoso (H2) ) allo stato puro.

Come fare per produrlo? Servono delle centrali elettriche o, ancora peggio, andrebbe prodotto per combustione di sostanze fossili e quindi altra CO2. Il sistema migliore per produrlo è l’elettrolisi dell’acqua utilizzando l’energia elettrica, ma sempre altra energia bisogna consumare. La termodinamica è una scienza crudele, purtroppo.

Forse Beppe Grillo si sbaglia. Devo approfondire, torno tra poco, aspettatemi.

Il risultato della ricerca è il seguente:

Il motore a combustione interna ad idrogeno (ottenibile da quello attuale mediante poche modifiche), non è una buona soluzione, poiché presenta un rendimento basso e produce altre sostanze inquinanti.
La soluzione migliore dal punto di vista ambientale, che presenta anche un elevato rendimento energetico, è la pila a combustibile. Questa trasforma l’idrogeno in energia elettrica, permettendo di azionare un motore elettrico. Il problema è che le pile a combustibile sono ancora in fase prototipale e non sono attualmente commercializzabili.
Non solo. L’ idrogeno presenta bassa densità di energia per unità di volume, cioè per produrre energia ne serve molto. Questo significa che, se non vogliamo avere un serbatoio delle dimensioni di un’automobile attuale, va compresso, con conseguente consumo di altra energia e problemi di sicurezza.
Cerco un’altra soluzione e trovo la fantascienza: una macchina che va ad aria compressa: The Air car The Air car . Una macchina che va ad aria, incredibile! Di certo, per sostituire la compressione per combustione,l’aria dovrà avere una pressione molto elevata. No, non ci credo, avvbbiamo lo stesso problema:
come comprimo l’aria a 300 bar per mandare avanti i miliardi di automobili in tutto il mondo?
In sostanza quello che sostiene Beppe Grillo è una farsa.

Beppe GrilloIn alcuni atteggiamenti Beppe Grillo ricorda i demagoghi della Grecia di Platone e Socrate (anche se i demagoghi di allora, erano molto colti e non dicevano parolacce).

Sei pessimo Nabla, ma non puoi farti gli affari tuoi? ora anche Beppe Grillo ti metti a criticare.
Ma che colpa ne ho, cerco solo di ragionare con la mia testa.
Allora non c’è soluzione?
Non dico che non c’è soluzione, dico solo che non esiste la soluzione dei sogni, e neanche siamo sicuri che l’idrogeno sia una possibile soluzione.
…………

Piccola aggiunta per chi propaganda per la firma della petizione di Grillo e grillini su vari blog:

Firmare non serve a nulla, non c’è la tecnologia. Voglio vedere poi, chi e come, la realizza la nuova economia. Firmiamo per fare ricerca nel nostro paese e per dare uno stipendio dignitoso ai ricercatori: lasciamo perdere la politica (togliamo delle multinazionali, per crearne altre) se vogliamo migliorare le cose, come sempre dico: scienza, ragione e libero pensiero.

MITI DA SFATARE 1: Facili e superficiali propagande sulle Energie Alternative ultima modifica: lunedì,12 marzo 18:02, 2007 da nabladue
Condividi!










Inviare
More share buttons
Share on Pinterest