Npensieri banner

🌟 "Cari lettori, il nostro sito npensieri.it vive grazie alla passione e alla condivisione.

Siamo una comunità senza scopo di lucro, che crede nel potere delle parole e delle idee. Se trovi valore in quello leggi, ti invitiamo a condividerlo sui tuoi social o con i tuoi amici.

Ogni condivisione è un seme che aiuta a crescere la nostra comunità e a diffondere parole che possono ispirare. Grazie per essere parte di questo viaggio! 🌱

Usa il tasto qui sotto per condividere sul tuo social preferito!"

Vesak

Il Vesak (Vesākha in Pali) è una festa annuale osservato tradizionalmente dai buddhisti. Attualmente viene celebrata in Bangladesh, India, Nepal, Sri Lanka, nei paesi del sud-est asiatico di Singapore, Vietnam, Thailandia, Cambogia, Laos, Malaysia, Birmania e Indonesia. In questa data si celebra la nascita, l'illuminazione (Nirvana), e la morte (Parinirvana) di Gautama Buddha.

vesak

Celebrazione del Vesak
Autore: Maduka Jayalath

La data esatta del Vesākha varia a seconda del calendario lunare delle diverse tradizioni Buddhiste. Nei paesi in cui si segue la tradizione Theravada (“degli anziani” o “della foresta”) esso cade nel giorno di luna piena Uposatha (tipicamente il mese lunare, 5 o 6). La data varia di anno in anno nel calendario gregoriano occidentale, ma viene celebrata sempre in aprile o maggio. In Italia il Vesak (o Wesak) si celebra, in base a un accordo tra l'Unione Buddhista Italiana e il Governo italiano, l'ultima domenica di maggio.
In accordo con la tradizione Buddhista il principe Siddhartha venne al mondo per ottenere l’illuminazione e renderne partecipi tutti gli esseri senzienti (Questa è la prima delle tre gioie da celebrare durante il Vesak). Il Principe divenne presto l’ascendente al trono, ma, all’età di 29 anni, rinunciò a tutti i doveri e i piaceri della vita regale. Dopo sei anni di ricerca e pratica spirituale la “via del mezzo” gli si rivelò durante una meditazione (Questa è la seconda delle tre gioie da celebrare nel giorno del Vesak). Da quella notte di luna piena, egli divenne il Signore Buddha. Grazie ai suoi insegnamenti (dhamma) successivi numerosi uomini e deva (abitanti dei mondi celesti) raggiunsero l’illuminazione.
La sua esistenza si concluse nella notte di luna piena del parinirvana. Il parinirvana è il nirvana finale che accade dopo la morte del corpo fisico di quegli esseri che, durante la vita, hanno conseguito il complete risveglio. Esso implica l’uscita dal samasara (il ciclo delle rinascite) e la liberazione da tutti gli elementi materiali e mentali.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram