Npensieri banner

🌟 "Cari lettori, il nostro sito npensieri.it vive grazie alla passione e alla condivisione.

Siamo una comunità senza scopo di lucro, che crede nel potere delle parole e delle idee. Se trovi valore in quello leggi, ti invitiamo a condividerlo sui tuoi social o con i tuoi amici.

Ogni condivisione è un seme che aiuta a crescere la nostra comunità e a diffondere parole che possono ispirare. Grazie per essere parte di questo viaggio! 🌱

Usa il tasto qui sotto per condividere sul tuo social preferito!"

14 Febbraio 2009
Nabladue
Tempo di lettura: 5 minuti

Un grande viaggio nel libero arbitrio

«Mi viene in mente un affascinante mito sul rapporto tra il destino e il libero arbitrio: il mito di Er narrato da Platone nel decimo libro della Repubblica».

«Bellissimo! Però non mi ricordo nei dettagli qual era la storia narrata».

«Er è una specie di precursore di Dante. Egli è andato nell’aldilà, ed è tornato senza aver bevuto l’acqua del fiume Lete (quello della dimenticanza). Gli dei glielo hanno permesso affinché lui ci raccontasse quello che ha visto».

mito di er

«Sì, ora ricordo qualcosa. Vai avanti però».

«L’ Aldilà narrato da Er è “un luogo meraviglioso, nel quale si aprono a poca distanza, l’una dall’altra, due voragini sulla terra e, in perfetta corrispondenza due voragini su nel cielo.”

Questi quattro cunicoli conducono a due differenti luoghi, a cui, noi, in futuro, avremmo dato il nome di Paradiso ed Inferno. Sono due per ciascun luogo poiché, da uno le anime entrano, e dall’altro escono. In perfetta corrispondenza con il luogo visitato dal nostro Poeta, le anime sono giudicate. Le loro pene vengono decuplicate rispetto ai dolori ed alla sofferenza che hanno causato sulla terra. Allo stesso modo, chi si è prodigato in opere buone e pie, viene ripagato con la stessa proporzione.»

«Sì, ora ricordo. In ogni caso, già da qua si capisce come Platone, attraverso Er, sia un sostenitore del libero arbitrio. Infatti, il giudizio può avere senso, solo se c’è anche il libero arbitrio. Non si può condannare una felino che uccide una preda per sfamarsi: egli non ha scelta, è una caratteristica inscritta nel suo codice».

«Proprio così, la filosofia platonica ha senso solo partendo dal presupposto che esista il libero arbitrio. Ampliando il discorso penso che, il nostro essere uomini, abbia lo stesso presupposto.
Senza libero arbitrio, non c’è l’uomo, non c’è vita consapevole; il fatto che pochi sappiano scoprire, o far uso di questo bene, è un'altra storia».

«Invero, una religione che mette l’uomo in una posizione tanto comoda, quanto pericolosa è il calvinismo. Per Calvino l’uomo non ha alcun potere sulla sua vita.
Egli è schiavo del peccato e dei suoi più bassi istinti e non ha la possibilità di riscattarsi in alcun modo. Né la fede né le opere possono nulla. È inutile che l'uomo, "con le sue corte braccia", tenti di raggiungere Dio. Egli non può assicurarsi la misericordia di Dio neanche con le opere buone: il peccato originale lo porterebbe ineluttabilmente a peccare di nuovo. Tutto dipende da Dio, che nella sua onnipotenza salva chi ha deciso ab aeterno (dall'eternità) di salvare. In sintesi, vengono dissolti i concetti di Grazia divina e di libertà della scelta. Durante la vita l’uomo non può né avvicinarsi a Dio con la fede, né può comportarsi in modo giusto. La dottrina calvinista getta l'uomo nell’abisso della predestinazione.  Però, allo stesso tempo, lo toglie da molte responsabilità».

«Non ho mai capito questo tipo di dottrine che non danno alcuna speranza. Forse fa comodo. Se mi muovo su dei binari, e non posso cambiare nulla, non sono responsabile della distruzione di tutto ciò che il treno della mia vita investe. In questo senso, non esisterebbe più né bene né male, e, mi sembra, che la vita umana perderebbe tutto il suo valore: un essere consapevole che non è in grado di utilizzare la sua consapevolezza è un essere estremamente misero ed infelice. Queste idee, da una parte, permettono la giustificazione di azioni nefaste e, dall’altra, danno una terreno fertile in cui possa proliferare il pessimismo cosmico.
Ammettendo che la verità non sia a portata dell’uomo, non mi rifugerei mai in tali dottrine, preferirei cercare per tutta la vita.»

Mito di ER

Le Moire Cloto e Lachesi intente a tessere il filo del fato. La Moira Atropo siede nell'attesa inesorabile di reciderlo - John Strudwick, Un filo prezioso, 1885 (olio su tela)

«In parte hai ragione, ma se ci pensi bene è veramente problematico capire dove finisce la predestinazione e dove inizia il libero arbitrio. Se consideri che noi nasciamo con un determinato codice genetico, in una determinata realtà storica, in un preciso contesto culturale, ambientale e familiare, la libertà deve trovare spazio in un mare di fattori determinanti a noi esterni. Non voglio certo sostenere che chi si lamenta della propria condizione, senza fare nulla, sappia far buon uso del libero arbitrio, dico solo che la questione non è così semplice. Anche perché lo stesso essere depressi e de-motivati cronici potrebbe essere frutto di caratteristiche genetiche o ereditarie come quello di essere dei grintosi e geniali imprenditori.

In ogni caso, tornando al nostro caro Er, abbiamo detto che le anime vengono giudicate e poi mandate ad espiare le loro colpe o a godersi la loro beatitudine per un tempo pari a dieci volte quello che hanno passato sulla terra. Dato che, come durata della vita umana viene preso un valore di cento anni, le anime saranno nell’aldilà per mille anni.

Dopodiché, faranno ritorno sulla terra e, a questo punto, entra in scena il libero arbitrio.

Infatti, sono le anime stesse che scelgono la loro prossima vita. Esse, in base ad una valutazione personale decidono di reincarnarsi nell’ essere che credono gli possa dare una vita felice.
La sorte decide l’ordine con cui le anime sceglieranno le vite che sono a loro disposizione. La fortuna in qualche modo incide sulla scelta, ma, poiché il numero di vite tra cui scegliere è molto più elevato di quello delle anime, anche le ultime anime che scelgono hanno a disposizione uno spettro di scelta abbastanza ampio.

Il libero arbitrio

Ercole al bivio, dipinto di Annibale Carracci (1596), raffigurante l'indecisione dell'eroe fra le alternative della virtù e del vizio - Il libero arbitrio

Ora, alcune, per errore o ignoranza, prediligono vite che sembrano belle ed allettanti, ma che, alla fine, provocheranno alle anime molte sofferenze sulla terra ed, inoltre, le porteranno ad accumulare molte colpe da scontare nel prossimo millennio . Ad esempio, qualcuno sceglie di reincarnarsi in un tiranno per godere del potere ed del rispetto. Tuttavia, il prezzo da pagare magari sarà quello di uccidere i proprio figlio o di compiere altre nefandezze del genere, o meno gravi, ma pur sempre onerose. Allora, l’anima che avrà raggiunto una buona conoscenza della vita, valutando le sue esperienze passate, saprà far buon uso del libero arbitrio per scegliere una vita consona che sia grado di renderla felice. Altri, avendo ormai in disprezzo le distruzioni e le calamità provocate dalla specie umana, decidono di rivivere in un animale.
Er, nota che Ulisse decide di reincarnarsi in un uomo tranquillo con una vita modesta e serena, memore delle sue avventure e dei pericoli verso cui la sua passata esistenza lo aveva trascinato.
Una volta che l’anima ha deciso, essa è nelle mani di Necessità e, a quel punto sarà difficile che possa cambiare completamente la sua esistenza, che, comunque, ha liberamente scelto».

«Quindi, per scegliere bene, bisogna conoscere. Senza conoscenza, infatti, non c’è scelta consapevole. Una conoscenza che va al di là della vita stessa, e che si propaga attraverso l’anima in un flusso continuo di vita e morte, di scelta e comprensione, di liberà e necessità».

«Non solo. Prova a ripetere quello che ho detto, non pensandolo come applicato alla metempsicosi, ma alla vita di un singolo individuo. Quante volte nasciamo e moriamo di nuovo? »

«In effetti, io non posso dire di essere lo stesso che si trova sul mio comodino in una foto di dieci anni fa. Oggi, sono una persona diversa. Se ho la facoltà di cambiare, di adattarmi allo scorrere della vita come l’acqua si adatta al letto di un fiume, posso nascere e morire tante volte e, dunque, posso scegliere».

«In conclusione, oltre tutti i discorsi filosofici, dobbiamo essere noi stessi a coltivare il libero arbitrio, nei limiti delle nostre possibilità.

Quella goccia infinitesimale di indeterminatezza deve diventare l’acqua che irrora la nostra libertà ed il nostro essere uomini».

Vedi anche:

6 comments on “Un grande viaggio nel libero arbitrio”

  1. Il libero arbitrio non esiste. E' soltanto un inganno inventato dalla maligna Chiesa di Roma per opprimere le genti. Credere nel libero arbitrio una forma di ignoranza.
    L'Inferno non è ultraterreno, è l'esistenza nella materia. Quando sarà il Giudizio, questo universo diverrà lo Stagno. La vita terrena, lungi dall'essere un bene, è una maledizione e una condanna. Dio non ha alcun potere sugli umani, perché l'essere umano è stato creato da Satana, che regna sugli elementi materiali. La sola salvezza viene dal Consolamentum: ne consegue che la massima parte dell'umanità è dannata in eterno.
    Un saluto

    P.S.
    Ho avviato un nuovo sito in cui spiego in dettaglio la mia religione:
    http://catarismo.splinder.com

  2. Ciao Antares,
    comprendo la tua religione, ma penso sia giusto l’opposto:

    1) Non credere nel libero è una forma di debolezza o di convenienza.
    2) La Gnosi non può essere raggiunta dagli uomini per via dei loro limiti.
    3) La vita può essere sia un bene che un male.

    Un saluto

  3. 1) La fede nel libero arbitrio è sostenuta in special modo dalle donne, che reputano di comodo ogni sua negazione. Spesso infatti le donne tendono a vedere debolezza e convenienza laddove c'è disperazione, perché sono programmate dal Creatore Malvagio per continuare l'universo materiale tramite la procreazione. Se vedessero l'universo per quello che è, ossia Male Assoluto, eviterebbero di procreare, e i demoni non avrebbero di che nutrirsi. La prigione diabolica cadrebbe nella polvere.

    2) Sappiamo che la Gnosi può essere raggiunta - anche se ovviamente questo pone fine all'idea dell'eguaglianza degli esseri umani. Ci sono pochissimi umani che ottengono la Conoscenza, moltissimi che non la ottengono, e moltissimi esseri che sono umani solo per forma ma che sono in realtà spiriti maligni.

    3) Che la vita possa essere un bene è illusione. Ogni bene della vita è come la morfina data a un malato di cancro: gli seda il dolore e lo può illudere di provare benessere, ma la realtà soggiacente è ben diversa. La vita è un mostro che incatena col ricatto biologico chi ne è vittima: non è nemmeno facile spezzare le sue catene e liberarsi. Il suicidio, difficile da attuarsi, non assicura la salvezza: esiste la trasmigrazione. Solo la Conoscenza, la Gnosi, permette di tornare al Padre.

  4. Forse il “Programmatore” Malvagio ogni tanto sbaglia il software, e accade che (per fortuna ) un po’ di maschile entri nel femminile e viceversa.

    1) Le religioni che colpevolizzano la donna dovrebbero essere oramai superate. Il peccato ed il male sono tanto della donna quanto dell’ uomo.Non c'è distinsione in questo senso tra uomo e donna. È solo la persona singola che conta. Mi sembra assurdo adagiarsi ancora su questa antica ed errata concezione.

    2) Se non esiste il libero arbitrio perché vi affannate tanto a cercare di convincere le persone? Se tutto è già scritto non c’è bisogno di scrivere altri blog o libri per diffondere una religione: chi si salva è già stato scelto, chi non si salva è già stato dannato. Se non c’è libero arbitrio, non c’è la possibilità di cambiare. Per chi ci crede veramente,tacere è l’unica risposta.

  5. 1) Il problema è che quello della donna è un peccato che manda avanti il mondo. Esiste la maligna volontà di dare la vita, cosa che manca nell'uomo. L'uomo è sessualmente più semplice: è mosso soltanto da un bieco egoismo eiaculatorio. Che poi l'oggetto di tale pulsione sia una donna o un criceto depilato, la dinamica è la stessa nella sua desolante natura elementare.

    2) Il concetto è un tantino più complicato. Le cose non sono prevedibili (vedi quantistica), ma ci sono vincoli ontologici che condizionano la risposta di ognuno ad ogni input possibile, ergo, non esiste alcun libero arbitrio. Faccio notare che il Catarismo nega l'onniscienza e l'onnipotenza divina, quindi il discorso è molto diverso da quello di Lutero.
    Gli esseri umani sono come spade che vengono brandite dagli angeli o dai demoni. Sono oggetti mossi da volontà a loro estranee.
    Siccome è scritto che il mondo andrà avanti fino a quando i Catari non saranno tutti ritornati al Padre, la missione deve essere portata avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram