Er ventriloco

Se credi a questo, sei ‘no scemo, scusa;

po’ sta’ che un omo parli co’ la gente

come se ne la panza internamente

ciavesse quarche machina arinchiusa?

Nun credo che in un’epoca che s’usa

d’aprì la bocca senza di’ mai gnente

esista ‘sto fenomeno vivente

che dice tante cose a bocca chiusa!

Parla cor ventre! Oh questa sì ch’è bella!

Sortanto er poveraccio che nun magna

se sente fa’ glu-glu ne le budella.

Io stesso, speciarmente a fin de mese,

me sento che lo stomaco se lagna…

Ma sai ched’è? La voce der Paese!

Poesie di Trilussa




Le corrispondenze amorose

Lui se firma Mughetto e lei Viola

je scrive sur giornale, lo so io:

ma nun parlate, pe’ l’amor de Dio,

chè me dà la licenza a la spagnola.

Se paga du’ baiocchi la parola;

un giorno che je scrisse: Idolo mio!

Aspetterotti, bacerotti, addio,

sai quanto spese? Mezza lira sola.

Lui, prima, annava a casa; dar momento

ch’er boccio se n’accorse, cominciorno

a daje co’ l’avvisi a pagamento.

E mò er marito manco se l’immagina

che queli dua, co’ pochi sòrdi ar giorno,

je metteno le corna in quarta paggina.

Poesie di Trilussa

A chi tanto e a chi gnente!

Da quanno che dà segni de pazzia,

povero Meo! fa pena! È diventato

pallido, secco secco, allampanato,

robba che se lo vedi scappi via!

er dottore m’ha detto: – È ‘na mania

che nun se pò guarì: lui s’è affissato

d’esse un poeta, d’esse un letterato,

ch’è la cosa più peggio che ce sia! –

Dice ch’er gran talento è stato quello

che j’ha scombussolato un po’ la mente

pe’ via de lo sviluppo der cervello…

Povero Meo! Se invece d’esse matto

fosse rimasto scemo solamente,

chi sa che nome se sarebbe fatto!

Poesie di Trilussa

Questioni de Razze

Che te ne preme se so’ nati in Ghetto,

se cianno la credenza diferente?

La razza? er sangue? E che decide? Gnente,

Perché so’ interessati? E’ un ber difetto!

Per ajutasse reciprocamente

qualunque fede merita rispetto:

puro Lutero assieme co’ Maometto

protegge li cristiani de l’Oriente!

E Isacco che m’impresta li quatrini

a l’ottanta per cento e er pegno in mano?

nun te lo nego: è er re de li strozzini;

ma intanto tu rifretti ar caso mio:

se vojo fa’ ‘na vita da cristiano

bisogna che ricorra da un giudìo!

Poesie di Trilussa

LA STATISTICA

Sai ched’è la statistica? È na’ cosa

che serve pe fà un conto in generale

de la gente che nasce, che sta male,

che more, che va in carcere e che spósa.

Ma pè me la statistica curiosa

è dove c’entra la percentuale,

pè via che, lì,la media è sempre eguale

puro co’ la persona bisognosa.

Me spiego: da li conti che se fanno

seconno le statistiche d’adesso

risurta che te tocca un pollo all’anno:

e, se nun entra nelle spese tue,

t’entra ne la statistica lo stesso

perch’è c’è un antro che ne magna due.

Poesie di Trilussa

Er teppista

Credi che io sia monarchico? Pe’ gnente

che me ne frega? E manco socialista

Repubblicano? Affatto! Io so’ teppista

e, pe’ de più, teppista intransiggente

Ciancico, sfrutto, faccio er prepotente

còr proletario e còr capitalista

caccio er cortello, meno all’imprevista

magno e nun pago e provoco la gente

se me capita, sfascio: e sputo en faccia

a le donne, a li preti, a li sordati…

Ma nun me crede poi tanto bojaccia

Che so più onesto, quando semo ar dunque

de tutti ‘sti teppisti ariparati

de dietro a ‘na politica qualunque

Poesie di Trilussa



La Cecala d’oggi

Una Cecala, che pijava er fresco

all’ombra der grispigno e de l’ortica,

pe’ da’ la cojonella a ‘na Formica

cantò ‘sto ritornello romanesco:

– Fiore de pane,

io me la godo, canto e sto benone,

e invece tu fatichi come un cane.

– Eh! da qui ar bel vedé ce corre poco:

– rispose la Formica –

nun t’hai da crede mica

ch’er sole scotti sempre come er foco!

Amomenti verrà la tramontana:

commare, stacce attenta… –

Quanno venne l’inverno

la Formica se chiuse ne la tana.

ma, ner sentì che la Cecala amica

seguitava a cantà tutta contenta,

uscì fòra e je disse: – ancora canti?

ancora nu’ la pianti?

– Io? – fece la Cecala – manco a dillo:

quer che facevo prima faccio adesso;

mó ciò l’amante: me mantiè quer Grillo

che ‘sto giugno me stava sempre appresso.

Che dichi? l’onestà? Quanto sei cicia!

M’aricordo mi’ nonna che diceva:

Chi lavora cià appena una camicia,

e sai chi ce n’ha due? Chi se la leva.

Poesie di Trilussa

Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Un Sorcio ricco de la capitale

invitò a pranzo un Sorcio de campagna.

– Vedrai che bel locale,

vedrai come se magna…

– je disse er Sorcio ricco – Sentirai!

Antro che le caciotte de montagna!

Pasticci dorci, gnocchi,

timballi fatti apposta,

un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –

L’intessa sera, er Sorcio de campagna,

ner traversà le sale

intravidde ‘na trappola anniscosta;

– Collega, – disse – cominciamo male:

nun ce sarà pericolo che poi…?

– Macché, nun c’è paura:

– j’arispose l’amico – qui da noi

ce l’hanno messe pe’ cojonatura.

In campagna, capisco, nun se scappa,

ché se piji un pochetto de farina

ciai la tajola pronta che t’acchiappa;

ma qui, se rubbi, nun avrai rimproveri.

Le trappole so’ fatte pe’ li micchi:(1)

ce vanno drento li sorcetti poveri,

mica ce vanno li sorcetti ricchi!

Poesie di Trilussa

ER BIJETTO DA CENTO LIRE

Un Bijetto da Cento

diceva: — È più d’un mese

che giro ‘sto paese,

sempre in funzione, sempre in movimento!

Comincianno da un vecchio, che una notte

me diede a ‘na coccotte,

so’ capitato in mano a un farmacista,

a un avvocato, a un giudice, a un fornaro,

a un prete e a un socialista.

Capisco ch’è ‘na gran soddisfazione

d’annà in saccoccia a tutti: ommini e donne,

onesti e farabbutti; ma d’artronne

trovo curioso che l’istesso fojo,

che j’ha servito a fa’ ‘na bona azzione,

poi serva a fa’ un imbrojo!

Mó, da quattr’ora, sto ner portafojo

d’una signora onesta:

ma indove finirò doppo de questa?

Chi lo sa? chi lo sa? Chi me possiede

me conserva, me stima,

me tiè da conto assai, ma nun me chiede

quer che facevo co’ chi stavo prima.

E questo è naturale, capirai:

quanno se tratta de pijà quatrini

la provenienza nun se guarda mai!

Poesie di Trilussa

La Campana della Chiesa

Che sôno a fa’? – diceva una Campana. –

Da un po’ de tempo in qua, c’è tanta gente

che invece d’entrà drento s’allontana.

Anticamente, appena davo un tocco

la Chiesa era già piena;

ma adesso ho voja a fa’ la canoffiena

pe’ chiamà li cristiani cór patocco!

Se l’omo che me sente nun me crede

che diavolo dirà Dommineddio?

Dirà ch’er sôno mio

nun è più bono a risvejà la fede. –

No, la raggione te la spiego io:

je disse un angeletto

che stava in pizzo ar tetto –

nun dipenne da te che nun sei bona,

ma dipenne dall’anima cristiana

che nun se fida più de la Campana

perché conosce quello che la sona…

Poesie di Trilussa

Er compagno scompagno

Un Gatto, che faceva er socialista

solo a lo scopo d’arivà in un posto,

se stava lavoranno un pollo arosto

ne la cucina d’un capitalista.

Quanno da un finestrino su per aria

s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,

pensa – je disse – che ce so’ pur’io

ch’appartengo a la classe proletaria!

Io che conosco bene l’idee tue

so’ certo che quer pollo che te magni,

se vengo giù, sarà diviso in due:

mezzo a te, mezzo a me…Semo compagni!

No, no – rispose er Gatto senza core –

io nun divido gnente co’ nessuno:

fo er socialista quanno sto a diggiuno,

ma quanno magno so’ conservatore!

Poesie di Trilussa

NUMMERI

– Conterò poco, è vero:

– diceva l’Uno ar Zero –

ma tu che vali? Gnente: propio gnente.

Sia ne l’azzione come ner pensiero

rimani un coso voto e inconcrudente.

lo, invece, se me metto a capofila

de cinque zeri tale e quale a te,

lo sai quanto divento? Centomila.

È questione de nummeri. A un dipresso

è quello che succede ar dittatore

che cresce de potenza e de valore

più so’ li zeri che je vanno appresso.

Poesie di Trilussa

Er Pappagallo

Er Pappagallo d’un repubbricano,

ch’era una bestia tanto intelligente

perché parlava mejo d’un cristiano,

da quattro o cinque giorni stava strano,

s’era abbacchiato e nun diceva gnente.

– Che t’è venuta? la nevrastenia?

– je chiese un Gatto ? Hai perso la parola?

Su! Coraggio! Sta’ alegro! Tira via!

– Eh! ? fece lui ? la córpa nun è mia,

è tutta der padrone che ciriòla?!

Prima, defatti me diceva spesso

che dovevo strillà: Viva Mazzini!

Evviva la repubbrica!… Ma adesso

se lo dico me mena, e già è successo

ch’ha mannato a chiamà li questurini!

Capisco: l’interessi personali

j’avranno rotto li convincimenti,

j’avranno buggerato l’ideali;

ma lassi armeno in pace l’animali

che so’ contrari a certi cambiamenti!

Fra tutte l’antre cose che m’ha imposte,

jeri m’ha detto: ? Strilla: Evviva er Re!

? Ah,mó pretenni troppo! ? j’ho risposto ?

Riparto pe’ l’America, piuttosto!

Nun faccio er burattino come te!

Poesie di Trilussa

La libbertà de pensiero

Un Gatto bianco, ch’era presidente

der circolo del Libbero Pensiero,

sentì che un Gatto nero,

libbero pensatore come lui,

je faceva la critica

riguardo a la politica

ch’era contraria a li principî sui.

-Giacché nun badi a li fattacci tui,

-je disse er Gatto bianco inviperito –

rassegnerai le propie dimissione

e uscirai da le file der partito:

ché qui la pôi pensà libberamente

come te pare a te, ma a condizzione

che t’associ a l’idee der presidente

e a le proposte de la commissione!

-È vero, ho torto, ho aggito malamente…-

rispose er Gatto nero.

E pe’ restà nel Libbero Pensiero

da quela vorta nun pensò più gnente.

Poesie di Trilussa

LA LIBBERTÀ DER GATTO

— Uscite, uscite, o Sorci! — disse un Micio

che da un pezzetto stava a denti asciutti —

A costo de qualunque sacrificio

combatteremo pe’ la libbertà!

Cacio e lavoro! Libbertà pe’ tutti!

E in quanto ar resto… Dio provederà!

— Giacché è sonata l’ora der riscatto,

— pensò un Sorcetto — quasi quasi sórto… —

Defatti sortì subbito; ma er Gatto

je disse: — Tutti libberi!… Però

voi ciavete er codino troppo corto:

questo nu’ lo permetto! — E l’ammazzò.

Poesie di Trilussa

La maschera

Vent’anni fa m’ammascherai pur’io!

E ancora tengo er grugno de cartone

che servì p’annisconne quello mio.

Sta da vent’anni sopra un credenzone

quela Maschera buffa, ch’è restata

sempre co’ la medesima espressione,

sempre co’ la medesima risata.

Una vorta je chiesi: – E come fai

a conservà lo stesso bon umore

puro ne li momenti der dolore,

puro quanno me trovo fra li guai?

Felice te, che nun te cambi mai!

Felice te, che vivi senza core! –

La Maschera rispose: – E tu che piagni

che ce guadagni? Gennte! Ce guadagni

che la genti dirà: Povero diavolo,

te compatisco… me dispiace assai…

Ma, in fonno, credi, nun j’importa un cavolo!

Fa’ invece come me, ch’ho sempre riso:

e se te pija la malinconia

coprete er viso co’ la faccia mia

così la gente nun se scoccerà… –

D’allora in poi nascónno li dolori

de dietro a un’allegia de cartapista

e passo per un celebre egoista

che se ne frega de l’umanità!

Poesie di Trilussa

L’Aquila

– L’ommini so’ le bestie più ambizziose,

– disse l’Aquila all’Omo ? e tu lo sai;

ma vièttene per aria e poi vedrai

come s’impiccolischeno le cose.

Le ville, li palazzi, e li castelli

da lassù sai che so? So’ giocarelli.

L’ommini stessi, o principi o scopini?,

da lassù sai che so’? Tanti puntini!

Da quel’artezza nun distingui mica

er pezzo grosso che se dà importanza:

puro un Sovrano, visto in lontananza,

diventa ciuco? come una formica.

Vedi quela gran folla aridunata

davanti a quer tribbuno che se sfiata?

È un comizzio, lo so, ma da lontano

so’ quattro gatti intorno a un ciarlatano.

Poesie di Trilussa

Avete letto le poesie di Trilussa (Carlo Alberto Salustri)