Odifreddi e i cristiani cretini

Mi sono imbattuto nella lettura di un bellissimo libro, pieno di spunti interessanti. Il suo autore di un’intelligenza fuori dall’ordinario è il professore di logica Piergiorgio Odifreddi. Egli è solo mente, cervello. Potremmo chiamarlo come scherzosamente Platone aveva soprannominato Aristotele (che preferiva lo studio e la contemplazione solitaria al dialogo dell’Accademia) : Nous, che significa proprio intelletto.

Questo libro è talmente bello e pieno di verità, che già le prime 3-4 pagine sono illuminanti, ti cambiano la vita, ti fanno sperare in un mondo migliore, nella salvezza: il nuovo messia è arrivato sulla terra.

“Addirittura, lo stesso termine cretino deriva da cristiano (attraverso il francese crètin, da chrètien), con uso già attestato nell’Enciclopedia nel 1754:secondo il Pianigini, “perché cotali individui erano considerati come persone semplici e innocenti, ovvero perché, stupidi e insensati quali sono, sembrano quasi assorti nella contemplazione delle cose celesti”…”In fondo, la critica al Cristianesimo potrebbe dunque ridursi a questo: che essendo una religione per letterali cretini, non si adatta a coloro che, forse per loro sfortuna, sono condannati a non esserlo”.
(Perchè non possiamo essere cristiani – Piergiorgio Odifreddi)

Quindi sono stupidi perché invece di guardare le cose che hanno qui, sulla terra, proprio sotto gli occhi si dedicano alle cose celesti.

Mi è venuto in mente un passo stupendo del Teeteto, nel quale Platone ci narra un evento accaduto ad uno dei primi scienziati (che a quei tempi erano chiamati “filosofi della natura”):

“Come anche di Talete si racconta, o Teodoro, che mentre mirava gli astri e guardava in su, cadde nel pozzo: e una serva di Tracia, intelligente e carina, prendendolo in giro gli disse che lui desiderava conoscere i fenomeni celesti, ma si lasciava sfuggire quelli che aveva davanti a sé e sotto ai suoi piedi.”

Non voglio dire che “fenomeni celesti” e “cose celesti” abbiano lo stesso significato nei due frammenti, riporto solo l’analogia con spirito acritico, per mostrare quanto le parole si incastrino e ci incastrino in disquisizioni che, a volte, non hanno alcun valore se non prettamente retorico.

Il Nous continua affermando che il successo del Cristianesimo è motivato dal fatto che metà della popolazione mondiale ha un’ intelligenza inferiore alla media, e “dunque è nella disposizione di spirito adatta a questa e altre beatitudini”.
Odifreddi divide il mondo in due insiemi: intelligenti e cretini. L’insieme dei cristiani è un sottoinsieme di quello dei cretini. L’insieme degli intelligenti, ovviamente, coincide con l’insieme dei logici.
Se qualcuno riuscisse a trovare errori “logici” anche nei testi di Piergiorgio Odifreddi, il matematico impertinente(come ama farsi chiamare) entrerebbe meritatamente tra i cretini, dato che anche le sue teorie, avrebbero bachi dal punto di vista logico. Questa dimostrazione è già stata portata a termine, segnalo il link per chi volesse approfondire.

Dimostrazione errore logico di Odifreddi

In realtà non serve essere logici per comprendere quale grossolano errore abbia commesso Piergiorgio Odifreddi. Dopo aver dato dei cretini ai cristiani Odifreddi continua:

“Tale critica, di passaggio, spiegherebbe anche in parte al fortuna del Cristianesimo: perché, come insegna la statistica, metà della popolazione mondiale ha un’intelligenza inferiore alla media(na), ed è dunque nella disposizione di spirito adatta a questa e altre beatitudini» “

L’errore logico è questo: essendo metà persone intelligenti e metà persone cretine, si potrebbe arrivare logicamente a sostenere che “non si spiega la fortuna del cristianesimo”, con lo stesso valore di verità con cui si sostiene che si “spiega la fortuna del cristianesimo”.
Cioè se NCretini = NIntelligenti posso spiegare e non spiegare la fortuna del cristianesimo senza che una delle due affermazioni prevalga sull’altra.

Odifreddi afferma:
Se cristiano = cretino e se il numero di intelligenti è uguale al numero dei cretini, il cristianesimo e “altre beatitudini” hanno successo.
Ma essendo la condizione simmetrica rispetto alle due scelte, io, potrei dire allo stesso modo:
Se ateo = intelligente e se il numero di intelligenti è uguale al numero dei cretini, il cristianesimo e “altre beatitudini” non hanno successo.
Questo perchè non ho una qualità informativa tale che mi consenta una scelta logica determinata. La condizione in base alla quale dovrei operare la scelta è simmetrica rispetto alle scelte possibili, quindi le due decisioni sono equivalenti.

Un ragionamento corretto formalmente è il seguente.

Se cristiano = cretino poteri avere i seguenti casi:

1) Se il numero di cretini è maggiore del numero di intelligenti allora il cristianesimo e “altre beatitudini” hanno successo.
2) Se il numero di cretini è minore del numero di intelligenti allora il cristianesimo e “altre beatitudini” non hanno successo.
3) Se il numero di cretini è uguale al numero di intelligenti allora il cristianesimo e “altre beatitudini” hanno le stesse possibilità di avere e non avere successo.

Facciamo un esempio, meno corretto, ma più semplice. Ci sono due sindaci: uno cristiano e uno non cristiano. Prendono il 50% dei voti ciascuno. Chi viene eletto?
Da questo passo si evince che l’autore non distingue bene la differenza tra i concetti di maggioranza/minoranza ed uguaglianza e non ha ben chiaro il concetto di simmetria.

Ma perché anche il grande il professore del terzo millennio non può fondare una teoria logica inattaccabile, in modo da mettere tutti a tacere? La risposta è semplice e l’abbiamo già visto più volte: non può essere realizzato un sistema logico inattaccabile neanche per la matematica, immaginiamoci cosa accade con la lingua italiana. Pensiamo cosa avviene quando invece di trattare il moto di una particella, vengono affrontati temi come: amore, bene, male, senso della vita, origine ultima della vita, paura dell’uomo per la sofferenza e per la morte .
Se veramente ci riuscisse, sarebbe davvero il salvatore del mondo.
Quindi o anche Odifreddi è un cretino, perché non conosce la logica, oppure né Odifreddi, né i cristiani sono cretini, e sarebbe meglio assumere un atteggiamento meno profetico, e fare delle critiche non atte a dare spettacolo, ma costruttive.

Questo non ci basta. Ammettiamo, per assurdo, che la teoria di Odifreddi è immune da errori logici. Analizziamola dal punto di vista scientifico.
Una teoria scientifica è valida se è “falsificabile”. Cioè, non solo deve essere verificata sperimentalmente, ma devono esistere dei casi reali che potrebbero contraddirla. In questo caso la teoria cristiani = cretini, è sia sperimentabile, che falsificabile. Il problema è trovare delle persone intelligenti che si dicono Cristiane. Se riuscissi, in questo difficile compito, avrei confutato sperimentalmente la teoria.
Un po’ di pazienza, vado alla ricerca dei nostri geni, così chiudiamo la questione, definitivamente, e in modo scientifico, come piacerebbe al nostro prof…

James Clerk Maxwell (Edimburgo, 13 giugno 1831 – Cambridge, 5 novembre 1879)

Il padre dell’elettromagnetismo. Ha trovato le equazioni che poi hanno permesso la formulazione delle teorie della relatività e quantistica. Capite da voi che le più importanti scoperte fisiche di tutto il secolo partono da lui. Anche se meno conosciute delle formule di Einstein, le sue equazioni sono tra le più importanti della storia.

maxwell

Per capire l’importanza di questi risultati leggiamo cosa afferma, Richard Feynman, uno dei più importanti fisici del nostro secolo:

« Tra molto tempo- per esempio tra diecimila anni- non c’è dubbio che la scoperta delle equazioni di Maxwell sarà giudicato l’evento più significativo del XIX secolo. La guerra civile americana apparirà insignificante e provinciale se paragonata a questo importante evento scientifico della medesima decade. »

Nella sua biografia leggiamo che possedeva una fede cristiana talmente forte, che sarebbe difficile capire la sua personalità ed il suo lavoro, senza quest’ultima.

La fede cristiana di Maxwell si manifesta anche in un approccio religioso alla sua attività scientifica, dichiarandosi lettore del libro della natura: tale libro si mostra agli occhi dello scienziato come ordinato e armonioso, rivelando l’infinita potenza e saggezza di Dio nella Sua irraggiungibile ed eterna Verità.” (Wikipedia)

Altro personaggio:

Dante Alighieri (Firenze, 1265 – Ravenna, 13 settembre 1321)

Mi chiedo come faccia un cretino a comporre un’ opera di 14.233 versi in metrica che racchiudono: filosofia, teologia, politica, gran parte del sapere scientifico coevo, storia, mitologia,filologia…
Lo scibile umano di quei tempi messo in rima, ricreando completamente un mondo.
Oltre che essere una guida spirituale per molti.
Quindi in conclusione, chi è stato preso come base per la lingua italiana non è un cretino.

Gottfried Leibniz Lipsia, 1 luglio 1646 – Hannover, 14 novembre 1716

Fu matematico ,filosofo, scienziato, diplomatico, avvocato. E’ uno (forse l’ultimo) genio universale di tutti i tempi. Le sue scoperte vanno dal campo della matematica alle scienze naturali, alla tecnica, alla filosofia.
Non solo. Nella sua opera filosofica – Nuovi saggi sull’intelletto umano (in risposta a Saggi sull’intelletto umano di Locke) – ha anticipato l’ipotesi dell’esistenza di idee inconsce, scoperta definitivamente due secoli dopo da Freud.

Tra le sue scoperte ricordiamo:

  1. il calcolo infinitesimale (una delle basi della attuale analisi matematica);
  2. la prima calcolatrice in grado di fare anche moltiplicazioni e divisioni (la prima fu di Pascal, ma solo per addizione e sottrazione);
  3. la numerazione binaria. Oggi alla base del funzionamento dei computer!

L’elenco potrebbe continuare, ma già questo, mi sembra possa bastare. Anzi l’ultima cosa: è riuscito a capire, mentre Newton pensava spazio e tempo come esistenti indipendentemente dagli oggetti (prima lo spazio e il tempo poi gli oggetti contenuti in esso) , che spazio e tempo hanno senso solo se ci sono gli oggetti e non sono indipendenti dalle cose stesse, ciò che è stato confermato, sempre due secoli dopo, dalla relatività.

leibniz Gottfried Wilhelm von Leibniz (scritto anche Leibnitz) è autore dei saggi di Teodicea. I “Saggi di teodicea”, pubblicati anonimi nel 1710, presso l’editore Troyel di Amsterdam, sono l’opera filosofica di più ampio respiro che Leibniz abbia scritto. Essi contengono la dottrina leibniziana della teodicea (giustificazione di Dio rispetto allo scandalo del male), e hanno quindi per oggetto la tradizionale questione della necessità e della libertà in rapporto al problema dell’origine e del senso del male.

Abbiamo falsificato l’ assunto cristiano = cretino.

Analizziamo anche la seconda affermazione di Odifreddi: “metà della popolazione mondiale ha un’intelligenza inferiore alla media(na), ed è dunque nella disposizione di spirito adatta a questa e altre beatitudini“
Ammettiamo ancora che non vi sia errore logico e valutiamola dal punto di vista della falsificabilità.
Da questa affermazione si deduce che metà della popolazione mondiale, avendo un’intelligenza inferiore alla media, è “nella disposizione di spirito adatta a questa e altre beatitudini”, quindi è religiosa. Se questo è vero l’altra metà, intelligente, non dovrebbe credere in qualsiasi dottrina religiosa o mistica,cioè dovrebbe essere completamente atea.

I dati ufficiali dicono che ci sono 1 miliardo e 154 milioni di atei e agnostici nel mondo,mentre la popolazione totale è costituita da 6 miliardi e 300 milioni di persone.

Non c’è bisogno di un matematico per capire che anche questa affermazione di Odifreddi sarebbe falsificata.

Tornando a Leibniz penso che sia uno dei pochi esempi di come si possano conciliare scienza, fede, tolleranza e rispetto per gli altri. In lui si fondono in modo esemplare scienza e amore per la natura.
Si narra che, avendo bisogno di alcune mosche per un’osservazione, le prelevò in campagna e poi, ad esperimento finito, decise di riportarle nello stesso luogo in cui le aveva trovate, per non turbare la loro esistenza. Qualcuno forse riderà per questo. Ma se guardiamo il gesto di profondo rispetto di un uomo, che ha dedicato (senza montarsi la testa) la sua vita alla scienza ed alla conoscenza, ed è riuscito, ad avere rispetto per dei semplici esseri come delle mosche, io ritengo, ci sia qualcosa di grande in quest’azione. Particolarmente oggi, in cui i gesti e le parole nascono,spesso, per pubblicizzare qualcosa, qualcuno o qualche idea, questo atto avrebbe molto da dire.
Per Leibniz (ed io sono dello stesso parere) la conoscenza dev’essere accompagnata da una crescita spirituale. Non sono ottimista come lui, che pensava al nostro, come al “migliore dei mondi possibili”, ma so che dal suo esempio di ottimismo e dalla sua tensione al miglioramento c’è da imparare.
Soprattutto alla luce del nichilismo che ci sta avvolgendo e fagocitando. C’è qualcuno che pensa solo a distruggere, ma non a costruire, mi chiedo alla fine cosa rimarrà?

Perché Piergiorgio Odifreddi, pur essendo molto intelligente, non ha invece uno spirito scientifico?
Proprio perché l’arma della scienza è il dubbio. Il fanatismo religioso si trasforma in scientismo, che è altro, rispetto a chi lavora nei laboratori con animo umile e desideroso di scoprire cose nuove e non di posare a profeta.
Una teoria scientifica va avanti perché, lo stesso povero “operaio” che impegna le sue energie per darle vita, deve, in seguito, “offrirla in pasto” ai colleghi e a se stesso (!), per valutare la validità della teoria stessa. Lo spirito scientifico vuole andare in cerca di ciò che confuta una teoria, non di quello che la sostiene. Perché un principio generale è valido, fin quando un esperimento non lo dimostra falso. Tale atteggiamento è opposto a quello del profeta Odifreddi che crede di avere la Verità in tasca. Atteggiamento tipico degli integralisti religiosi, che lui stesso critica.

Non abbiamo bisogno di grandi profeti, ma di piccoli ricercatori.

Testimonianza di un “operaio” matematico molto promettente: Matematico.

Altre risorse:

Odifreddi e Russel su scienza e matematica

Piergiorgio Odifreddi

Scienza e fede

Logica

46 Comments

  1. CBicp 21 Settembre 2007
  2. Spora 21 Settembre 2007
  3. albatros900 21 Settembre 2007
  4. Fumblindog 21 Settembre 2007
  5. EverStill 22 Settembre 2007
  6. Patrizia 23 Settembre 2007
  7. nabla 23 Settembre 2007
  8. CosmicDance 23 Settembre 2007
  9. factum 25 Settembre 2007
  10. Rio 26 Settembre 2007
  11. nabladue 26 Settembre 2007
  12. Alibimba 26 Settembre 2007
  13. Vhailor1980 29 Settembre 2007
  14. listen 12 Ottobre 2007
  15. nabla 13 Ottobre 2007
  16. Antares666 16 Ottobre 2007
  17. nabla 17 Ottobre 2007
  18. Bea 17 Ottobre 2007
  19. Antares666 18 Ottobre 2007
  20. nabla 18 Ottobre 2007
  21. Antares666 25 Ottobre 2007
  22. Nicola 13 Febbraio 2009
  23. piccolo-uomo 16 Febbraio 2009
  24. piccolo-uomo 16 Febbraio 2009
  25. nabladue 17 Febbraio 2009
  26. Sibelius 4 Ottobre 2010
  27. alex 22 Novembre 2010
  28. Cori da "La Rocca" 26 Dicembre 2010
  29. tonino 2 Febbraio 2011
  30. tonino 3 Febbraio 2011
  31. Tonino 4 Febbraio 2011
  32. cristiano deluso 6 Febbraio 2011
  33. qualcuno 15 Febbraio 2011
  34. Anonimo 5 Marzo 2011
  35. tonino 21 Maggio 2011
  36. tonino 22 Maggio 2011
  37. nabladue 22 Maggio 2011
  38. Tonino 24 Maggio 2011
  39. Tonino 27 Maggio 2011
  40. nabladue 28 Maggio 2011
  41. tonino 26 Dicembre 2011
  42. tonino 26 Dicembre 2011
  43. LUCIO 23 Aprile 2012
  44. Anonimo 26 Aprile 2012
  45. Rosa Tiziana Bruno 24 Novembre 2012
  46. Roberta Samperi 18 Luglio 2020

Rispondi a Vhailor1980 Annulla risposta

error: Content is protected !!